“ 'san siro'
preparatevi a condividere sorrisi, lacrime, brividi con ragazze che vi sembrerà di non conoscere, ma fanno parte di te. preparatevi ai brividi lungo la schiena, all’adrenalina, preparatevi al miglior momento della vostra vita. preparatevi a conoscere gente meravigliosa, ad imparare a rispettare tutti, larry, ziam, zerrie shippers o altro. preparatevi alle lunghe ore in fila che amerete, e vorrete tornarci quando tutto sarà finito. preparatevi ai brividi che proverete quando sedute in cerchio inizierete a cantare tutte le loro canzoni, durante l’attesa. preparatevi alla sensazione migliore che si possa avere, preparatevi a sentirvi voi stesse, vive, perfette, nel posto giusto. preparatevi perché non realizzerete che quello che staranno staccando sarà il vostro biglietto, che il controllore dirà ‘entra’. preparatevi a correre una volta aperti i cancelli, a ridere a mandare a fanculo i piedi che bruciano. preparatevi a respirare l’aria di quello stadio, a urlare, a guardarvi attorno e dire ‘non ci credo’ perché sarà esattamente così preparatevi a sentirvi a casa vostra. preparatevi alle urla che si genereranno ogni cosa succeda e voi ne sarete coinvolte. preparatevi ai rumors del momento ‘i ragazzi sono arrivati’ ‘oddio ho visto niall’ ‘ma che dite? sono in albergo ancora’ preparatevi ad abbracciare gente che non conoscete, ma che condivide questo sentimento così grande con voi. preparatevi a quando tutte insieme canterete ‘torn’ e dentro ogni sguardo ci sarà quel senso di malinconia. preparatevi ai mini infarti quando arriverà un bus enorme o una semplice macchina a vetri scuri. preparatevi a coloro che apriranno il concerto perché li amerai, ogni cosa sarà perfetta quel giorno. preparatevi a quando le luci si spegneranno, le urla di alzeranno, e capirete che è arrivato il momento che aspettate da una vita preparatevi alla canzone di apertura, perché quella non la dimenticherete mai qualsiasi cosa succeda. preparatevi a correre verso il vostro posto, che sia anello, o prato sarà il posto migliore in assoluto. preparatevi a ridere CON loro, preparatevi ad averli PER voi. perché in quel momento sarete nello stesso posto. voi e loro. preparatevi alla vostra canzone preferita, perché quando partirà sentirete quei brividi in più e sarà dedicata solo a voi. preparatevi ai bassi di Liam, quelli sono da infarto dal vivo preparatevi alle battute idiote di Harry, alla sua stranezza, alla sua voce rauca che vi farà impazzire. preparatevi ad avere i brividi in una maniera assurda, dopo gli acuti di Zayn. sentirete lo stadio tremare. preparatevi alla risata di Niall, al suo italiano, alla sua chitarra. preparatevi a Lou, lo sentirete urlare, ridere, ma preparatevi alla sua voce perché credetemi, dal vivo è magia. vi rapirà. preparatevi alle canzoni movimentate, a saltare, cantare a rischiare di cadere dal posto, di finire schiacciata a terra. preparatevi a cantare più forte di loro, a fargli tatuare questo momento nei loro cuori, preparatevi ai loro occhi lucidi. preparatevi alla band musicale, alle guardie del corpo che odierete, alle transenne, alle bottigliette d’acqua, a correre. preparatevi ai video durante le pause, alle ‘twitter questions’ che vi faranno morire dal ridere. preparatevi a little things, perché sarà una delle più emozionanti, sarà come una magia. preparatevi alle canzoni di up all night, perché quelle sono impossibili da dimenticare, sarà come fare un salto indietro. preparatevi a what makes you beautiful, ultima della lista, prima nei nostri cuori per sempre. preparatevi alla canzone finale, non saprete se piangere o ridere o continuare a sognare, ma vivetela tutta. preparatevi a piangere durante i loro saluti, ma ricordate non se ne andranno per sempre, nel vostro cuore sono sempre lì. preparatevi alle canzoni allungate, alle parti che faranno cantare solo a voi, alle acrobazie, alle parole cambiate. preparatevi a realizzare che saranno davanti a voi non dietro un poster o un video su youtube. preparatevi alle luci spente, alla band musicale che scende dal palco, a tutti che si alzeranno non pronti per andarsene. preparatevi a piangere a voler rimanere lì dentro ancora un po’ a sperare un loro ritorno a sorpresa. preparatevi ai ‘devi uscire, è finito’ alla differenza dall’entrata all’uscita, gente che camminerà piano come non voler andarsene. preparatevi a pensare che è durato tutto troppo poco che è passato velocemente, preparatevi a piangere anche due o tre ore dopo. preparatevi ai ‘li rivedrai, non piangere’ ‘non fare così’ ‘ma perché piangi se li hai visti?’ preparatevi a riascoltarli nelle cuffie il giorno dopo, oddio, quasi non ci crederete, nemmeno appena li vedrete in foto. preparatevi a realizzare che si, avete fatto parte del Where We Are Tour. preparatevi ai mesi seguenti quando si apriranno vostre foto o video del concerto sembrerà tutto così strano, impossibile. preparatevi al modo assurdo in cui vi mancheranno dopo il concerto, sopratutto il giorno dopo, vi mancheranno troppo. preparatevi a quella sensazione di tristezza nel vedere il posto del concerto VUOTO la mattina seguente. preparatevi ma sopratutto ricordate che finalmente avete realizzato il vostro sogno, che li avete avuti lì con voi, che avete vinto. IN QUESTO MOMENTO, ricordate di vivere il countdown ragazze, perché vola tutto velocemente. vivetelo tutto. directioners, li vedrete. non importa se per la prima o la millesima volta, sarete li, capite? voi, sarete li. non dite mai ‘mancano ancora 184-185 giorni non vedo l’ora che passano’ perché una volta finito vorrete tornare ad oggi. per quelle che li vedranno la prima volta, come me, non sarete a casa a piangere bellezze, sarete sotto quel palco, con loro. per quelle che li hanno già visti, anche questa volta proverete le stesse emozioni, il vostro sogno non si ferma. voi che avete pianto al ‘sold-out’ di verona e milano, potreste essere quelle che toccheranno le loro mani. i sogni sono fatti per essere realizzati, e si bellezze, voi ci siete riuscite. avete vinto contro tutti. vivetelo. tutto. ricordate: non piangete quando tutto sarà finito, perché la fine è semplicemente l’inizio. credete ai ‘li rivedrete’ perché, avete visto? sembrava impossibile eppure li incontrerete e succederà altre volte. ricordatevi di guardare la strada quando correte verso il loro bus, hahah no seriamente, state anche attente. ho gli occhi appannati sto piangendo come una cogliona, vi ho uccise? beh, sappiate che succederà TUTTO questo, meraviglie. per chi anche questa volta sarà a casa, NON ARRENDETEVI, sembrano le solite frasi fatte, ma ci riuscirete, CREDETECI. allora, caricatevi, non scordate niente (specie i biglietti AHAHAH) e.. ‘san siro, are you ready?’
NON STO PIANGENDO, NO. MI E’ SOLO FINITA UNA CIPOLLA INTERA NELL’OCCHIO.
“ Le guerre scritte sui polsi.
Le urla scritte negli occhi.
Le delusioni scritte nei sorrisi.
“ Ah, signora, quella che lei crede una gobba è l’astuccio delle mie ali.